02 febbraio 2007

Coltello a bordo

L'ovvio: un coltello con lama in ceramica (sono affilatissimi!) non fa suonare il metal detector, e si può portare senza difficoltà a bordo di un aereo. Mentre ai controlli di sicurezza ci si affanna a sequestrare shampoo e schiuma da barba. Un giornalista di Repubblica ci è riuscito senza alcuna difficoltà.

Ma del resto, noi qui l'abbiamo sempre detto. Questi controlli con regole demenziali non hanno alcuna relazione con il terrorismo e la sua prevenzione. Sono solo prove tecniche di fascismo, un modo per abituare il popolo al mondo che verrà quando le risorse naturali scarseggeranno e pochi privilegiati ne manterranno il controllo con la forza delle armi e la sorveglianza alla Orwell. Cosa che, peraltro, a livello internazionale succede già, con i ricchi occidentali ad accaparrarsi la fetta maggiore delle ricchezze del pianeta, e a difendere con la forza delle armi il loro stile di vita "non negoziabile".

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Gentile autore,

ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/cronaca/bl6083.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di Libero.it.

Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy:

http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo
e-mail: blog.n2k@libero.it

Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti

LiberoBlog Staff

Ultime-Notizie.eu ha detto...

Sono andato a Vienna a Gennaio e ho notato uno scarso servizio dei controlli l'unica cosa che badavano erano quei dannati liquidi.