04 luglio 2006

Partita

Ebbene sì, il vostro Deserteur ha avuto un altro cedimento. Perché non c'è dubbio che il calcio è l'oppio del popolo italico, che tutti i politici, da Berlusconi in giù, se ne servono per soggiogare le masse (avete mai sentito un politico, fosse anche di Rifondazione, che dichiarasse che a lui del calcio importa poco?), che è un ambiente malato, corrotto dal denaro, ecc., ecc.

E però stasera ero solo in casa, in frigo c'era della birra fredda (per giunta tedesca, in spregio agli avversari e a tutti i discorsi sui cicli corti). E allora mi sono messo anch'io in mutande davanti alla TV, da bravo emulo di Fantozzi, a guardare Italia-Germania, invece di cercare in rete le ultime nuove sul riscaldamento globale.

E devo dire che è stata una grande partita, che meritava di essere vista. Peccato solo per tutta la gazzarra che ora si sta svolgendo nelle strade. Non parlo del festeggiamento, normale dopo una partita così carica di tensione fino all'ultimo, ma dell'idea che si possa festeggiare, invece che con un normale e sano contatto umano, bruciando benzina e strombazzando, che poi magari ci scappa anche il morto. E' un altro dei tanti aspetti dell'idolatria dell'automobile.

2 commenti:

lucio ha detto...

clacson: poooooooooooooo po po po poooooooooooooooooooooooooo..pi piiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Anonimo ha detto...

si ... pero', dai non succede mica
ogni giorno di vincere un mondiale ! di solito
passano almeno 20 anni!
fabio pd